WWW.VERCELLINK.IT


vercellink

La Cattedrale di Vercelli

fotografia della cattedrale di Vercelli Non siamo in grado di stabilire con certezza chi sia stato il fondatore del duomo di Vercelli, né sappiamo esattamente quando ciò sia avvenuto.

Quello che possiamo affermare è che sul sito dell'attuale cattedrale esisteva già una chiesa in epoca paleocristiana, ovvero intorno al IV secolo d.C..

Il primo edificio è andato distrutto, ma conosciamo l'aspetto che il duomo aveva nel Medioevo. C'erano cinque navate, divise da quattro file di colonne. Il portico si apriva su sette archi, l'ultimo dei quali conduceva direttamente in un altro edificio. Sulla facciata erano presenti tre finestre: quella centrale, di forma rotonda e le due laterali arcuate.

Si hanno notizie di un primo restauro della chiesa intorno all'anno mille, per opera del vescovo Leone. Questo intervento si rese necessario, per via del decadimento dovuto al passare del tempo, ma probabilmente anche per i danni causati da un incendio avvenuto il 15 marzo 997, giorno in cui venne assassinato il vescovo Pietro.

Il campanile, che si è conservato fino ai giorni nostri, fu eretto "solo" nel XII secolo.

Tra il 1571 ed il 1582, lavorò al duomo di Vercelli l'architetto Pellegrino Tibaldi, chiamato in città dal vescovo Guido Ferrero.
Ciò, che rimaneva del coro e del presbiterio della vecchia chiesa, fu abbattuto nel 1570 e, su progetto del Tibaldi, vennero costruiti un nuovo coro ed un nuovo presbiterio. Le navate furono terminate solo due secoli più tardi.

Nel 1646, Francesco Rusca Castello realizzò l'altare della "Madonna dello schiaffo".

Tra il 1682 ed il 1703 venne costruita, su progetto di Michelangelo Garove, la cappella del Beato Amedeo, voluta dalla duchessa Maria Giovanna Battista di Savoia, che pose la prima pietra il 18 settembre del 1682.
La cappella fu poi modificata nel XVIII secolo da Benedetto Alfieri e dall'architetto Luigi Barberis, che innalzarono, tra il 1757 ed il 1764, anche l'atrio e la facciata.

La cupola e la cancellata dell'atrio sono opere del XIX secolo.

Il duomo di Vercelli è intitolato a Sant'Eusebio: primo vescovo della città (e dell'Italia nord-occidentale) e Santo Patrono di Vercelli.

>> Il più importante monumento di Vercelli: la basilica di Sant'Andrea
>> Il museo del Tesoro del Duomo
>> fotografie del Duomo di Vercelli